Prima luce sull’Opera

Prima luce sull’Opera

Mon, 13 Jan 20 Foundress

Alle sue Figlie, Madre Oliva racconterà che a Portiolo aveva «potuto pulire e dipingere il Tabernacolo, e dipingere ciò che aveva appreso in piazza del Giorgione di Castelfranco il giorno del Corpus Domini: “Padre, io ti prego che tutti siano una cosa sola”: l'ansia e il sospiro della mia vita».
In una lettera a Mons. Longhin del 19 marzo 1933, Madre Oliva, rispondendo a una domanda del suo santo Vescovo e Direttore spirituale sulla natura dell'Opera che essa vagheggiava, si diceva certa che «l'Istituto delle Figlie della Chiesa, per il suo fine proprio, non potrà essere di clausura… L'altare parrocchiale sarà la loro calamita; il Tabernacolo parrocchiale il tesoro in cui nasconderanno il loro cuore col Cuore della Vittima gloriosa…  Appunto davanti a uno di questi Tabernacoli abbandonati, durante il mio profugato, mi venne la prima luce sull'Opera».
                                                                                                                                                                                                                   (S. Garofalo, Storia di un Carisma, 63-64)