Prevenzione e cura della lebbra e non solo... (Mandya - India)

Prevenzione e cura della lebbra e non solo... (Mandya - India)

Tue, 24 Oct 17 Projects

Il Centro di salute rurale Maria Oliva Bonaldo (MOB) di Mandya (Karnataka- India), guidato dalla nostra Comunità con una équipe di animatori, opera in circa 1000 villaggi di quattro comuni del distretto: per la prevenzione e cura della lebbra; la promozione umana e sociale delle donne; la riabilitazione fisica e psichica di tanti disabili. 
Il Centro è stato avviato nel 1992 su richiesta del dottor Hema Reddy, direttore del programma di eradicazione della lebbra nel Karnataka. In assenza di altre organizzazioni nell’ampio distretto di Mandya, noi Fi­glie della Chiesa ce ne siamo fatte carico. Sebbene la missione fosse molto impegnativa e difficile, una volta accolta, si trasformò in uno splendido rendimento di grazie all’Onnipotente per le benedizioni sperimentate quotidianamente. Dall'inizio ad oggi ha potuto vedere la trasformazione di tante persone e un notevole progresso umano oltre che socio economico di quelle comunità rurali. Il Centro MOB si è aperto via via ad altre realtà di po­vertà ed emarginazione. Oggi rappresenta un vasto programma d’intervento sociale.
La riabilitazione dei disabili su base comunitaria (CBR: Com­munity Based Rehabilitation for the Disabled), nel 2016 ha coinvolto circa 12.300 portatori di disabilità nella zona affidata al progetto MOB. L’originalità della proposta è data dall’intuizione di rendere le persone stesse diversamente abili promotrici di aiuti, dando vita ad una catena di sostegno vicendevole, che comporta la formazione all’assistenza e l’informazione sui diritti delle persone portatrici di handicap. In questi anni di lavoro sono stati formati tra i disabili più di 260 gruppi di auto-aiuto (SHG: Self Help Groups). Quasi tutti i pazienti lebbrosi curati, al presente, fanno parte dei SHG, con benefici un tempo impensabili.
Il cuore del progetto contempla programmi di educazione e di coscientizzazione, applicati a diversi ambiti: sanità, formazione, sviluppo economico delle famiglie, assistenza legale, organizzazione di eventi sociali ed altro. Un aspetto considerevole delle attività dei gruppi è dato anche dall’analisi e dalla consultazione sul come distribuire le risorse economiche tra gli appartenenti al gruppo stesso, secondo una scala di priorità e di bisogni individuati. Tale scelta permette interventi mirati ed efficaci, con grande soddisfazione di tutti. Un ulteriore vantaggio deriva dal fatto che il gruppo offre anche la possibilità di venire a conoscenza e di usufruire di tutte le agevolazioni che il Governo mette a disposizione delle persone portatrici di handicap.
Si programmano periodicamente anche competizioni sportive per bambini portatori di altri handicap. In occasione della Giornata Mondiale dei Disabili, oltre alle premiazioni per le gare sportive, vengono distribuiti protesi, deambulatori e apparecchi motori (a volte con l’ausilio di un piccolo finanziamento statale).

La promozione della donna comporta la formazione di altri gruppi di auto aiuto per sole donne, con programmi di formazione a vari livelli. Nei villaggi  si tengono mensilmente le «Giornate sulla Nutrizione», al fine di sensibilizzare le donne sull’importanza della salute, della nutrizione e dell’igiene. Vengono formate alla conoscenza dei propri diritti e a promuovere una cultura di rispetto e non violenza. Nello stesso tempo si portano avanti vari incontri formativi nelle scuole, incoraggiando alla scolarizzazione delle bambine, che è preventiva nei confronti dei baby matrimoni. Sono questi i canali attraverso i quali la compassione, il coinvolgimento umano, il farsi carico gli uni degli altri di­ventano realtà tangibili.

Il progetto, che è stato avviato con il forte sostegno iniziale dell'Associazione italiana amici di Raoul Foullerau (AIFO) e con un intervento importante della CEI che ha permesso un finanziamento extra dei SHG e l'aquisto di carrozzelle per i disabili, richiede un supporto economico continuo.

Obiettivi

Prevenzione e cura della Lebbra e dell'Aids, riabilitazione dei disabili su base comunitaria,  formazione e accompagnamento dei Gruppi di auto-aiuto, promozione della donna

Vuoi aiutarci?
Versa un contributo libero sul ccp del nostro Ufficio missionario con la causale: Progetto MOB - MANDYA
ccp n.: 31164031 - intestato a:  Suore Figlie della Chiesa – Missioni
Codice IBAN:  IT05 O 0760 1032 0000 0031164031