Catechesi di Papa Francesco - I vizi e le virtù: la tristezza

Catechesi di Papa Francesco - I vizi e le virtù: la tristezza

Jue, 08 Feb 24 Hijas de la Iglesia Discernimiento Formación Eclesial Formación Espiritualidad

Papa Francesco, terminata la carrellata dei santi che ci mostrano lo zelo apostolico e sono per noi un esempio per l'oggi, ha iniziato alla fine di dicembre le sue catechesi sui vizi e le virtù, rispondendo a un'esigenza del nostro tempo: fare chiarezza su alcuni aspetti che riguardano tutta la nostra vita, sia a livello umano che spirituale.

Ieri, mercoled' 7 febbraio, il vizio preso in considerazione è stato la tristezza, demone subdolo, come lo definisce il Papa: "È un demone subdolo, quello della tristezza. I padri del deserto lo descrivevano come un verme del cuore, che erode e svuota chi l’ha ospitato".

Con il suo linguaggio semplice e immediato, Papa Francesco fa luce su una tristezza che viene da Dio e che ci conduce alla salvezza e una tristezza che viene dal maligno e ci insabbia nella delusione e nella fatica.

"C’è dunque una tristezza amica, che ci porta alla salvezza.Ma c’è una seconda tristezza, che invece è una malattia dell’anima. Nasce nel cuore dell’uomo quando svanisce un desiderio o una speranza. E allora che cosa devo fare quando sono triste? Fermarti e vedere: questa è una tristezza buona? È una tristezza non buona? E reagire secondo la natura della tristezza".

Per poter leggere l'udienza per intero clicca qui, mentre per leggere le udienze precedenti clicca qui