Dialoghi sulla Chiesa

Dialoghi sulla Chiesa

Mar, 09 Ene 18 Formación Eclesial

Conosciamo i frutti dei dialoghi teologici che il movimento ecumenico ha promosso tra le Chiese? 

Sono frutti preziosi del confronto sereno, profondo e perseverante sui temi che costituiscono l’oggetto della nostra comune fede cristiana ma sui quali abbiamo maturato visioni diverse, a volte complementari, a volte ancora difficilmente conciliabili. Anche la Chiesa è stata ed è oggetto di dialogo.  Molti di questi dialoghi sulla Chiesa sono confluiti nel testo che è conosciuto come Documento di Penang, dal luogo in cui è stato firmato il 21 giugno 2012.  Si tratta del più importante testo di convergenza, frutto di anni di lavoro assiduo, ed ha per titolo: La Chiesa: verso una visione comune. È ispirato dal desiderio di comprendere e realizzare la volontà di Cristo per la sua Chiesa, come si legge nella premessa: «Nel Vangelo di Giovanni egli ha rivelato la sua volontà per la Chiesa quando ha chiesto al Padre che tutti i suoi discepoli siano una cosa sola, perché il mondo creda (cf. Gv 17,21). Perciò pregare che sia fatta la volontà del Signore richiede necessariamente uno sforzo sincero ad accogliere la sua volontà e il suo dono di unità». Affronta i temi più difficili nel campo ecumenico, che riguardano appunto la nostra comprensione della natura e della missione della Chiesa. È stato elaborato dalla Commissione Fede e costituzione (FC) del Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC) per «invitare le Chiese a perseguire l’obiettivo dell’unità visibile in una stessa fede e in una stessa comunione visibile espressa nel culto e nella vita comune in Cristo; e ad avanzare verso questa unità in modo che il mondo possa credere».  Ora il Documento, che è stato inviato a tutte le Chiese corredato di alcune importanti domande, attende la risposta delle Chiese. Esse dovranno dire:

  1. In che misura questo testo riflette la comprensione ecclesiologica della vostra Chiesa?
  2. In che misura questo testo offre una base per la crescita dell’unità fra le Chiese?

Mentre teologi e pastori di tutte le Chiese sono impegnati a rispondere, possiamo sostenerne l’impegno con la preghiera e “così servire alla prosecuzione del pellegrinaggio verso la manifestazione di quell’unità per la quale Cristo ha pregato”, come si auspica alla fine del documento.

In allegato il testo completo