Giornata del Malato a Foggia

Giornata del Malato a Foggia

Lun, 12 Feb 24 Hijas de la Iglesia Comunidades

Celebrare l'Eucarestia con il Vescovo Mons. Giorgio Ferretti presso la cappella dell'Ospedale "Riuniti" di Foggia in occasione della XXXII Giornata Mondiale del Malato è stato un dono grande. La cappella dell'ospedale, lunedì 12 febbraio, si è riempita di medici e personale sanitario; e sentirci comunità fa la differenza. 

Il Vescovo nell'omelia ha sottolineato alcuni aspetti importanti: nella cultura ebraica i lebbrosi erano ritenuti castigati da Dio; la malattia in genere era uno stigma. Spesso la domanda che viene fatta al Signore da una persona ammalata e ferita è: "Perché hai mandato la malattia? Dio si è dimenticato di noi!".
Gesù però viene al mondo per occuparsi dei poveri, degli umili, degli ammalati... e questo siamo chiamati a fare anche noi, in particolare i medici e il personale sanitario.

Quest'uomo del Vangelo corre verso Gesù e gli dice: "Se vuoi, puoi purificarmi...".  Antepone alla guarigione la purificazione, cioè il desiderio di essere amato da Lui. E Gesù ne ha compassione: un sentimento di Gesù simile a quello che una madre sente per il suo bebè... E Gesù tocca il malato!

Rivolgendosi in particolare agli operatori sanitari, il Vescovo ha posto loro alcune domande:
Che tipo di medici vogliamo essere? Desiderosi di toccare i nostri fratelli o  di mantenere la distanza per paura? In questo luogo dove lavorate tutta la settimana, sentite la fragilità delle persone malate, ma anche la fragilità della scienza, che deve inchinarsi al mistero della morte. Ma la bella notizia è che Gesù ha potere sulla malattia e sulla morte!

Prezioso anche  il momento in cui il Vescovo ha amministrato ad alcuni pazienti l'Unzione degli infermi: forza e sostegno per quanti sono nella prova. 
Preghiamo insieme per quanti soffrono e per quanti sono chiamati ad essere balsamo di Cristo per le loro ferite.