Da semplice conoscenza a vera amicizia - Incontro degli amici di comunità.

Da semplice conoscenza a vera amicizia - Incontro degli amici di comunità.

Famiglia Carismatica Maria Madre del Pane di Vita - Castelfranco Veneto TV - Italy

Ieri sera, giovedì 25 ottobre, sono stata invitata a un incontro presso le Figlie della Chiesa, in Castelfranco Veneto (TV). Mi era stato un po’ annunciato il tema, ma non mi aspettavo un momento così fraterno, familiare, caloroso direi. Dopo aver invocato lo Spirito Santo: “Dolcissimo Spirito rivelaci col tuo dono di pietà questa tenera Madre (la Chiesa) ...”, preghiera della Fondatrice, è stata proposta la lettura del Vangelo della Visitazione di Maria a Elisabetta, due donne attente al Mistero ma sotto la guida dello Spirito Santo. Alla preghiera, animata da sr Guglielmina, non sono mancate le sottolineature dettate dallo Spirito.

Suor Agnese, con la presenza di tutte le consorelle, finito questo breve momento celebrativo della Parola di Dio, che ci ha permesso di sentirci davvero unico Corpo fra noi, con tutta la Chiesa, ha iniziato ad introdurci il tema dell’incontro con l’Esortazione apostolica che Papa Francesco ha scritto a tutti i religiosi nell'anno della Vita Consacrata, sollecitando a condividere la bellezza del carisma ai laici.

Papa Francesco così scrive: “Con questa mia lettera, oltre che alle persone consacrate, mi rivolgo ai laici che, con esse, condividono ideali, spirito, missione. Alcuni Istituti religiosi hanno un’antica tradizione al riguardo, altri un’esperienza più recente. Di fatto attorno ad ogni famiglia religiosa, come anche alle Società di vita apostolica e agli stessi Istituti secolari, è presente una famiglia più grande, la “famiglia carismatica”, che comprende più Istituti che si riconoscono nel medesimo carisma, e soprattutto cristiani laici che si sentono chiamati, proprio nella loro condizione laicale, a partecipare della stessa realtà carismatica”.
Sr Agnese ha citato pure il n.130 della Evangelii Gaudium “i carismi al servizio della comunione evangelizzatrice”.

Dopo averci sottolineato l'aspetto carismatico delle Figlie della Chiesa in una maniera familiare e semplice ma molto bella e profonda, ha invitato tutti noi a presentarci e a esprimere il nostro rapporto con l’Istituto e in quale modo il carisma o la vicinanza con la comunità ci aiuta a vivere con maggior consapevolezza e pienezza il nostro stato di vita.

Ognuno di noi liberamente si è presentato e ha parlato della propria esperienza e conoscenza delle Figlie della Chiesa. Tante sono state le testimonianze che hanno evidenziato la gioia di conoscere le Figlie della Chiesa e soprattutto la loro presenza in mezzo a noi. I partecipanti hanno espresso la loro felicità di servire la Chiesa nella semplicità più grande ma nei ministeri tipici della comunità: lettori, cantori adoratori. L'aspetto che più si ripeteva era il desiderio della preghiera dell'adorazione e l'attesa della veglia per l'unità dei cristiani come pure la notte di adorazione alla vigilia del Corpus Domini. Mi piace riportare di seguito alcune frasi dette proprio da noi: “Mi hanno colpito da subito queste suore sorridenti, facili da avvicinare per la familiarità”, “Ci siamo sentiti subito a casa”. “Siete state per me un punto di riferimento”. “Frequentarvi è una boccata d'aria, di ossigeno”. “Mi avete insegnato l’importanza della Parola di Dio”. “Incontrarvi mi ha aiutato ad essere più aperta verso gli altri”…
La sottolineatura della lectio e dell’accoglienza è stata eccezionale da parte di tutti, e ne è risultata una caratteristica principale di questa comunità.

Non mi resta che ripeterlo pubblicamente: a quando il prossimo incontro!?