Don Ciro Scotti: primo direttore spirituale

Don Ciro Scotti: primo direttore spirituale

Lun, 04 Nov 19 Fondatrice

Don Ciro Scotti era un sacerdote meridionale trentatreenne, di grande cultura e virtù. Durante la guerra del 1915-1918 fu Cappellano militare negli ospedali di Udine e Castelfranco Veneto, che lasciò nel 1917 per il servizio nell'ospedale installato nel palazzo reale di Napoli. Fu il primo Direttore spirituale ad avere, fino al termine della guerra, profondo influsso su Maria senza indebite pressioni sulla sua coscienza: «Era dolce e forte come lo Spirito del Signore, che le sue parole persuasive e obbliganti trasmettevano… Ricordo solo la concisione, la fermezza, la soprannaturalità eccezionale. Era di Dio e voleva l'anima tutta di Dio: non si sfuggiva alle sue esigenze paterne ma irremovibili. Non ricordo particolari. Gli confidai la mia vocazione allo stato religioso e indubbiamente l'ispirazione di un'Opera che avrebbe dovuto dare rilievo al Mistero della Chiesa come “sacramento dell’universale salvezza”. Ricordo solo che non mi giudicò adatta a nessuna delle Congregazioni da lui conosciute; ma né a voce, né per lettera mi incoraggiò mai a iniziare una Congregazione nuova».
Dopo la partenza di Don Scotti da Castelfranco, la direzione avveniva con uno scambio di lettere, che Maria aspettava con ansia e leggeva dopo la Comunione, «perché m’attendevo da esse, con grande sicurezza interiore, la volontà di Dio, mio unico vivissimo desiderio».
                                                                                                                                                                                                                      S. Garofalo, Storia di un Carisma, 57-58