Fidanzata

Fidanzata

Sab, 10 Nov 18 Fondatrice

     A Campigo, Maria si fidanzò con un pittore veneziano. Nonno Titta brontolava; “Strambi come i pittori in casa mia non ne vengono”. Ma erano due ragazzi così belli! Lei mora, lui biondo: “una coppia da guardare”, dice la sorella Stella, che spesso accompagnava i due colombi nelle romantiche passeggiate in campagna, e attesta: “Non ebbi mai motivo di giudicare mia sorella frivola, leggera”.
     Un amore riservato, come allora si usava, conversazioni dei due separati da una siepe, qualche regalo. Un giorno di maggio Maria rifiutò una scatola di cioccolatini perché faceva il “fioretto” alla Madonna.
     Molto dotata per il disegno e la pittura, era una volta intenta a dipingere uno stendardo con l'incoronazione della Vergine, che il fidanzato pittore ravvivò con esperti tocchi. L'idillio lasciava presagire un matrimonio bene assortito.                                                                                                                                                                                         (S. Garofalo, Storia di un Carisma, p. 40)