Poesia a san Giuseppe. Maria Oliva Bonaldo

Poesia a san Giuseppe. Maria Oliva Bonaldo

Mar, 19 Mar 19 Fondatrice

...San Giuseppe col suo silenzio vi faccia capire che cosa è il silenzio. Sentite:

La Vergine fiorì! Lo seppe solo Dio che l'adombrò e solo a Te nel sonno lo svelò.
Che vita da quel dì, Giuseppe!

Nella sua voce, come ti parve nuovo e tenero il tuo nome!
Per questo tu non hai parlato mai.

Chiuso il tuo giglio accanto al suo profumato da Dio restò, e rapito nel più dolce oblio,
fino all’ora d’incanto che al tuo estasiato viso dischiuse in una grotta il Paradiso.
Per questo tu non hai parlato mai.

Da quell’ora, che vita in te,
che pace, che armonia nella tua casa, con Gesù e Maria!
La Trinità infinita in tre vivente e un solo amore nel Verbo fatto Carne e fatto Cuore.
Per questo tu non hai parlato mai.

Il Verbo, la Parola, coi baci ti balbettava allora ciò che lassù ti ammutolisce ancora.
Tu intendi quella sola e taci;
quella sola sai Tu: i baci tenerelli di Gesù. Per questo tu non hai parlato mai.

Vi auguro di parlar poco e bene.
San Giuseppe ci aiuti tutte, e aiuti prima me di voi!
(Maria Oliva Bonaldo, Il segreto è ritornare pag 15-16)