Anche a Nicotera le  “24 ore per il Signore”

Anche a Nicotera le “24 ore per il Signore”

Giovani Auxilium Christianorum - Nicotera VV - Italia

ANCHE A NICOTERA LE “24 ORE PER IL SIGNORE”

Quando il cuore si apre, quando desidera secondo i desideri di Dio, allora Lui ti ispira, ti guida, ti porta dove tu non prevedi.

È stato cosi per l’esperienza delle "24 ORE PER IL SIGNORE" vissuta con i giovani studenti del Liceo e dell’ITIS di Nicotera e dintorni, al fine di offrire a tutti la possibilità di accogliere l'abbraccio misericordioso di Dio.

Giunti in chiesa, probabilmente con qualche pregiudizio e sperando non fosse un’iniziativa noiosa, ricredendosi però, poco dopo, innanzitutto nel vedere qualcosa di strano sull’altare... una luce particolare. Gli è stato detto: “si tratta di Gesù Eucarestia”. L’iniziale trepidazione ha subito lasciato spazio al silenzio, coscienti del momento che stavano vivendo. Vi è era attenzione nell’ascoltare la spiegazione di quale importanza avesse il momento di adorazione per i cristiani, nel sapere che le paure più profonde possono essere affidate a Gesù.

La preghiera 24 ore per il Signore, accompagnata dalla lettura del messaggio di Papa Francesco per i giovani, ha permesso di riflettere sulla propria vita, colma delle piccole-grandi preoccupazioni giovanili e su quanto confortante possa essere affidarle a Gesù. Molti si sono raccolti in se stessi ed hanno sperimentato l’esperienza della meditazione per poi mettere nero su bianco, attraverso la scrittura delle proprie paure su un foglietto successivamente bruciato in un braciere, barattando tali timori con un cuoricino che ricordava che “Dio è amore: fermati, guarda, ritorna”.

Tanti altri, oltre al gesto, hanno sentito la necessità di riconciliarsi con Dio, attraverso la confessione, arricchendo ulteriormente tale esperienza, in un’atmosfera di riflessione, pensando alle piccolezze umane di fronte alla grandezza di Gesù. I giovani hanno saputo affrontare con molta maturità l’adorazione, sono entrati pienamente nel clima, mostrandosi concentrati e in silenzio, immersi nei loro più profondi pensieri. Grazie alla disponibilità dei Sacerdoti, degli insegnanti, dei giovani volontari e della comunità delle Figlie della Chiesa, si è resa fattibile tale esperienza come tempo prolungato di Adorazione e Riconciliazione; percepita e condivisa la gioia di sentirsi coinvolti nella comunità, nella preghiera, avvertendo un sentimento profondo di fratellanza con i cristiani dell’intera Chiesa universale. Tante voci, un solo canto!