Convegno Internazionale dell'Associazione

Convegno Internazionale dell'Associazione

Qui., 02 maio 19 Associação “Filhos da Igreja”

Dal 25 al 28 aprile 2019 si è svolto a Roma il CONVEGNO INTERNAZIONALE dell'Associazione Figli della Chiesa, dal tema "Identità e Appartenenza: quale futuro?".
Il programma, ricco di promesse interessanti, oltre a chiamarci all’approvazione degli aggiornamenti apportati al Regolamento dei Figli della Chiesa, prevedeva relazioni ed attività di gruppo strutturate, dalla prima all’ultima, secondo un saggio criterio risultato fecondo.
Infatti la prima relazione del 26 mattina della dott.ssa Nunzia Boccia è stata una vigorosa spinta di partenza, grazie all’entusiasmo coinvolgente della relatrice e all’esposizione di contenuti efficaci a suscitare in noi gratitudine per la ricchezza del dono carismatico e a interpellarci sulla nostra formazione, in particolare su tre aspetti sintetizzati in tre domande a cui dare risposta nell’incontro pomeridiano di gruppo.
La condivisione di proposte e obiettivi ci ha motivato a continuare, con coraggio e senso di responsabilità, il cammino di approfondimento della nostra formazione di Figli della Chiesa, ciascuno con la propria identità e il proprio Carisma, ma tutti insieme come Chiesa Corpo di Cristo verso un futuro di apertura fraterna secondo il Nuovo Linguaggio dell’Amore e dello “spirito di servizio-missione”, nella logica del Vangelo di Cristo, “venuto per servire”, per divenire noi stessi testimoni e segno visibile della bontà di Dio che “opera tutto in tutti”.
Il 27/04 mattina: riepilogo delle attività svolte nel triennio, fatto dai responsabili delle fraternità del centro-sud, G. Zammitti e del nord Italia, G. Locatelli con le indicazioni di base per il cammino delle fraternità nel triennio prossimo; nel pomeriggio la relazione, ultima del programma, di Suor M. Santos ha concluso in bellezza il nostro incontro lasciandoci nel cuore serenità e l’eco della spiritualità respirata sin dall’inizio, nella Liturgia e nella melodia dei canti.
La nostra mente era predisposta allo stupore dell’ascolto delle origini del Carisma. La relatrice, infatti, con un tono di voce dolce e pacato partendo dalla chiamata della Fondatrice, illuminata a Castelfranco nel 1913, nella processione del Corpus Domini, sul Mistero di Cristo e della Chiesa, ne ha sviluppato i vari aspetti: cristologico, ecclesiale, sociale, in un excursus di sfumature/tappe all’interno del percorso di vita della Madre, sempre conformata alla volontà del Signore e al “Sitio” nato dal Suo Amore per Gesù crocifisso e del suo sentirsi partecipe della passione di Cristo.
Interessante la modernità di Madre Oliva, che, precorrendo i tempi, aveva capito la profondità del Mistero della Chiesa, Corpo di Cristo, prima che questa verità fosse ufficialmente espressa nei documenti del magistero dei Papi, da Pio XII sino a Paolo VI; da qui la gioia che tutti potessero gustare la tenerezza di sentire la Chiesa Mamma, Corpo di Cristo nel Mistero d’Amore di Gesù, fattosi Madre nostra.
Lo stupore di questa “novità” di Gesù-Mamma renderà più facile ai Figli della Chiesa uno stile di vita basato sull’Amore a Cristo, alla Chiesa, ai fratelli: la tenerezza di Gesù, la Sua preghiera fervida: “Pater, rogo ut unum sint”, la carezza del Padre consolideranno la nostra unità nella Chiesa: conosciuta, amata e testimoniata per farla Amare donando Amore ai fratelli, pregando e lavorando per essa e in essa, in spirito di servizio per tutti.
L’ultima serata dell’incontro, poi, tra barzellette e canti in siciliano e risate… è stata tutta una festa gioiosa, nel calore degli abbracci di saluto. Grazie!
                                                                                                                                                                                                                                                                                Franca Garraffo Capitta