Sr Leela con John Red

Red: un cuore da consolare

Seg., 17 Jul. 17 Testemunhas Comunidades

Aveva gli occhi lucidi e appesantiti dal sonno quando lo hanno seduto di fronte a noi sul piccolo mezzo di trasporto che seguiva, sotto un sole cocente, il corteo funebre che accompagnava la nonna al cimitero. Sr Leela gli si è posta accanto e dopo un momento di esitazione si è lasciato andare, addormentandosi sulle sue ginocchia. Poi, giunti al cimitero, è scoppiato in un pianto dirotto.

Red (nome di fantasia) ha sei anni, la mamma e il papà sono in carcere: ora con le due sorelline e i cinque figli della nonna, ancora giovani, è affidato  alle cure della bisnonna, nella baracca dove vivono, al confine di San Mateo (Filippine). La cara bisnonna però ora sa di poter contare sulle Suore che hanno seguito la figlia negli ultimi giorni di vita, avendo saputo della sua gravità dalla nipote in carcere. Un’amicizia è nata tra loro e così la vita è meno dura anche se per vivere bisogna guadagnarsi il pane a 80 anni, facendo la lavandaia a ore. E anche Red lo sa. Ora non si nasconde più quando le Suore si affacciano sulla porta di casa, non le capisce ancora, perché parla solo tagalog, ma un poco, almeno, sorride.