Sua "Sorella" è una santa

Sua "Sorella" è una santa

Seg., 12 Ago. 19 Fundadora

A quella "folgorazione" [22 maggio 2013] Maria fa risalire l'intera avventura della sua vita spirituale, come al seme fecondissimo di una pianta che ad ogni stagione produrrà fiori e frutti. «Ritornai a casa un'altra». Nessuno, pur costatando l'improvviso e completo mutamento, se lo seppe spiegare. Maria si stava preparando alle nozze; al ritorno dalla scuola ricamava il corredo e aveva già pronto l'abito da sposa ordinato a una ditta specializzata di Monza. Dopo la processione, trovò a casa un regalo dal fidanzato: una lunga scatola che conteneva un ombrellino di seta bianca, con una rosa rossa dipinta. Ricompose immediatamente il pacco per rimandarlo al mittente. Alla sorella Stella che le domandò il perché di quel gesto inconsulto rispose: «È tutto finito». «Allora - dice Stella - ero troppo giovane per capire quanto era successo, ma qualche anno più tardi Maria mi confido che in quel giorno (del Corpus Domini) sentì una voce che le disse: “Lascialo, perché sarai infelice”. E non aggiunse altro». L'inconsolabile fidanzato cercò caparbiamente, ma invano, di riconquistare il perduto amore; molti anni dopo - già sposato – mostrò a Stella una fotografia di Maria che custodiva nel portafoglio: «Vede questa? La tengo sempre qui come una reliquia e la faccio vedere anche a mia moglie, perché sua sorella era una santa».
                                                                                                                                                                                                                                                       (S. Garofalo, Storia di un Carisma, 50-51)